TELMO PIEVANI - Quando Nacque la MENTE UMANA: come siamo diventati Sapiens

Telmo Pievani lezioni
31 Jul 202359:27

Summary

TLDRThe speaker discusses the evolution of Homo sapiens, focusing on the enigmatic development of human cognition and culture. They highlight the recent discoveries that have shed light on the 'human mind' and its symbolic nature, which appeared around 35,000 to 40,000 years ago, a relatively recent event in the scope of human evolution. The narrative delves into the concept of a 'Final Wave' of human migration from Africa, characterized by a cultural and social revolution that led to the global dominance of Homo sapiens. This wave is associated with the extinction of other hominid species and the advent of symbolic behaviors like art, music, and complex language. The speaker also explores the genetic evidence suggesting a 'bottleneck' in human population, pointing to a small group of pioneers who survived and repopulated the world. They emphasize the interplay between biological and cultural evolution and the dual nature of human creativity and destructiveness, both rooted in our capacity for symbolic thought and communication.

Takeaways

  • 🌐 The concept of human evolution, particularly the cognitive and cultural aspects, is complex and not fully understood. There is a temporal discrepancy as modern human behaviors and language appeared relatively recently, around 35,000 to 40,000 years ago.
  • 🗣️ Language and symbolic thought are seen as key components of modern human behavior, yet they leave little to no direct fossil evidence, making the study of these aspects a challenge akin to a Sherlock Holmes exercise in piecing together indirect clues.
  • 🎨 The 'Great Leap Forward' refers to a period when modern human behaviors such as abstract thinking, art, and complex cultural rituals emerged rapidly, suggesting a significant shift in human cognitive abilities.
  • 👥 Homo sapiens have a remarkably low genetic diversity compared to other primates, suggesting a population bottleneck at some point in our history where the human population was significantly reduced.
  • 🌏 Homo sapiens, like other species in the Homo genus, are migratory, having left Africa multiple times and encountered other hominin species that had migrated earlier.
  • 🤝 There is evidence that Homo sapiens lived alongside and even interbred with other hominin species like Neanderthals and potentially Denisovans, indicating a complex coexistence and cultural exchange.
  • 🚨 The extinction of other hominin species coincides with the expansion and increased cultural and technological sophistication of Homo sapiens, suggesting a possible link between our success and their decline.
  • 🧬 Genetic research has shown that all non-African humans share a genetic marker (L3), suggesting a recent 'Final Wave' of human migration out of Africa that led to the global dominance of Homo sapiens.
  • ⏳ The development of symbolic culture, including art and music, appears to have accelerated with the emergence of Homo sapiens, potentially linked to the development of language and social interaction.
  • 🧵 The 'founder effect' in genetics explains the varying levels of genetic diversity observed in human populations around the world, with the highest diversity found in Southern Africa, suggesting this as the origin point for modern human migration.
  • 🌾 The transition from a primarily biological evolution to a predominantly cultural evolution is marked by the advent of symbolic thought and language, which has had profound implications for human society and our impact on the environment.

Q & A

  • What is the main theme discussed in the transcript?

    -The main theme discussed in the transcript is the evolution of the human mind and Homo Sapiens, focusing on the emergence of modern human behavior, the role of genetic diversity, and the cultural and cognitive advancements that set humans apart from other hominid species.

  • Why is the period between 35,000 and 40,000 years ago considered significant in the context of human evolution?

    -The period between 35,000 and 40,000 years ago is significant because it marks the approximate time when modern human behaviors such as symbolic art, language, and complex cultural practices emerged, often referred to as the 'Great Leap Forward' in human evolution.

  • What is the 'bottleneck event' mentioned in the transcript, and how does it explain the genetic homogeneity among modern humans?

    -The 'bottleneck event' refers to a point in human history when the population of Homo sapiens was significantly reduced, possibly due to a catastrophic event like a volcanic eruption or climate change. This event led to a small group of survivors who then repopulated the world, resulting in a genetic homogeneity among modern humans due to their common ancestry.

  • How does the speaker describe the role of Africa in the evolution and migration of Homo sapiens?

    -The speaker describes Africa as the 'cradle of humanity', emphasizing that Homo sapiens and other hominid species originated there. It was the starting point for multiple migrations of human species, with Homo sapiens leaving Africa around 100-110,000 years ago and encountering other hominid species that had migrated earlier.

  • What is the 'Out of Africa' theory as discussed in the transcript?

    -The 'Out of Africa' theory, as discussed in the transcript, is the idea that Homo sapiens originated in Africa and then migrated to other parts of the world, eventually leading to the replacement of other hominid species. This theory is supported by archaeological, genetic, and paleontological evidence.

  • What evidence suggests that Homo sapiens were not the only human species to exhibit symbolic behavior and cultural practices?

    -Evidence such as ritual burials, body adornments, and possible musical instruments found in Neanderthal sites suggest that they too had some form of symbolic behavior and cultural practices, although these were not as systematic or widespread as those developed by Homo sapiens.

  • How does the speaker explain the apparent discrepancy between the anatomical and cognitive evolution of Homo sapiens?

    -The speaker explains that Homo sapiens underwent anatomical evolution first, becoming physically modern around 200,000 years ago, but it was much later, between 35,000 and 40,000 years ago, that they experienced cognitive evolution, marked by the emergence of complex language, symbolic thought, and advanced cultural practices.

  • What is the 'Final Wave' hypothesis mentioned in the transcript?

    -The 'Final Wave' hypothesis suggests that a very late migration of Homo sapiens out of Africa, associated with significant cultural and social innovations, led to the global dispersal of modern human behavior and the replacement of other hominid species. This group, referred to as Homo sapiens 2.0, was highly migratory and invasive, contributing to the extinction of other human species.

  • What is the significance of the L3 genetic marker mentioned in the transcript?

    -The L3 genetic marker is a specific variant of mitochondrial DNA found in all non-African humans, indicating that modern humans outside of Africa are descendants of a migration event from a group in Africa that had the L3 marker. This supports the 'Out of Africa' theory and the 'Final Wave' hypothesis.

  • How does the speaker connect the development of language in Homo sapiens to their cognitive and cultural evolution?

    -The speaker suggests that the development of articulate language in Homo sapiens, which includes the ability to create and understand abstract concepts, was a pivotal moment in human evolution. This linguistic ability allowed for complex communication, social interaction, and the sharing of knowledge, which in turn facilitated cultural and cognitive advancements.

  • What is the 'effect of the founder in series' as described in the transcript?

    -The 'effect of the founder in series' is a genetic phenomenon where each small group that splits off from a larger population carries with it only a portion of the original genetic diversity. Over time, as these groups migrate and establish new populations, the genetic diversity within each group decreases, with the original population (in this case, from South Africa) having the highest level of diversity.

Outlines

00:00

🎉 Introduction to Human Mind Evolution

The speaker expresses excitement about the topic of human mind evolution, acknowledging the difficulty of discussing the origin of the human mind and Homo Sapiens. They mention the lack of concrete evidence like fossils for behaviors and thoughts, which makes the study more challenging. The speaker hints at recent research and theories that have not yet widely reached educational materials, suggesting an intriguing narrative with open-ended conclusions and new clues.

05:00

🖼️ The Temporal Discrepancy in Human Behaviors

The speaker discusses the mystery of the temporal discrepancy in the emergence of modern human behaviors, such as language and symbolic thought, which appeared relatively recently between 35,000 and 40,000 years ago. This period saw the creation of complex art, rituals, and cultural expressions. The speaker emphasizes the suddenness of these developments, which all appeared at once, suggesting a package of modernity was delivered as a whole rather than piecemeal.

10:02

🌐 Genetic Bottleneck and Human Migration

The speaker presents evidence that Homo Sapiens underwent a genetic bottleneck, suggesting that at some point in history, the human population was small enough to result in a low genetic diversity among all modern humans. They propose that this could have been due to ecological difficulties or a catastrophic event like the volcanic eruption of Toba 73,000 years ago. This event led to a significant reduction in the human population, with survivors likely living in small groups in Africa.

15:02

🤝 Interactions Amongst Multiple Human Species

The speaker explores the interactions between Homo Sapiens and other human species like Neanderthals and Denisovans. They discuss the coexistence and potential interbreeding, as well as the eventual disappearance of other human species. The narrative suggests a peaceful coexistence followed by a shift towards aggression and expansionism from Homo Sapiens, leading to the extinction of other species.

20:04

🌟 The Emergence of Symbolic Intelligence

The speaker highlights the emergence of symbolic intelligence, with the first clear signs appearing in Africa around 60,000 to 70,000 years ago. This is evidenced by the use of ochre, body ornaments, and other symbolic artifacts. The speaker also notes the spread of these cultural elements to Europe and Australia, suggesting a geographical pattern that originated in Africa.

25:07

🧬 Genetic Diversity and the Founder Effect

The speaker discusses the genetic evidence supporting the out-of-Africa theory, with the lowest genetic diversity found in non-African populations. They mention the founder effect, where small populations that migrate and establish new territories carry only a fraction of the genetic diversity of the original population, leading to a decrease in diversity the further away from the origin point.

30:08

🌿 The Role of Language in Human Evolution

The speaker theorizes that the development of articulate language was a key factor in the success and expansion of Homo Sapiens. They suggest that language allowed for complex social interaction, creativity, and the conceptualization of abstract ideas. The speaker also posits that the ability to communicate detailed experiences and concepts allowed for the creation of shared understanding and collective knowledge within groups.

35:11

🌍 Human Impact on the Environment and Other Species

The speaker reflects on the impact Homo Sapiens have had on the environment and other species, labeling humans as an invasive species. They discuss the extinction of megafauna and other human species that coincided with the expansion of Homo Sapiens. The speaker suggests that the same traits that led to human creativity and cultural evolution also contributed to their invasive nature and the disruption of ecosystems.

40:14

🚀 The Final Wave and Cultural Explosion

The speaker describes a 'final wave' of Homo Sapiens that migrated out of Africa and spread across the world, bringing with them advanced cultural practices and symbolic intelligence. This group is believed to have been responsible for the rapid expansion and replacement of other hominid species. The speaker suggests that this wave marks a significant point in human evolution where biological evolution became intertwined with cultural evolution.

45:16

🤔 The Ambivalence of Human Creativity and Invasive Nature

The speaker concludes with a philosophical note on the dual nature of human creativity and invasive tendencies. They suggest that the same root has led to both the heights of human cultural achievement and the depths of environmental disruption. The speaker calls for reflection on the responsibility that comes with human creativity and the need for sustainable stewardship of the planet.

Mindmap

Keywords

💡Homo Sapiens

Homo Sapiens refers to the scientific name for modern humans, which is central to the video's theme of human evolution. The video discusses the cognitive and cultural advancements that distinguish Homo Sapiens from other hominid species. For instance, the speaker mentions the 'mystery' of when the human mind, specifically associated with Homo Sapiens, was born.

💡Cultural Evolution

Cultural evolution is the process by which human societies develop and transmit culture. The video explores the concept of cultural evolution in the context of significant advancements in art, language, and symbolic behavior that occurred relatively recently in human history. It is suggested that this evolution may have been punctuated by rapid change rather than slow, gradual development.

💡Genetic Diversity

Genetic diversity refers to the variety of genetic traits in a population. The video discusses the unexpectedly low genetic diversity among Homo Sapiens, suggesting a historical 'bottleneck' where the human population was significantly reduced, leading to a genetically homogenous species. This concept is used to explain the origins and history of human migration and evolution.

💡Symbolic Intelligence

Symbolic intelligence is the ability to use symbols to represent ideas or concepts. The video highlights the development of symbolic intelligence as a pivotal moment in human evolution, with the creation of art, music, and language being key indicators of this advancement. The speaker suggests that this ability is a distinguishing feature of Homo Sapiens and a driving force behind cultural evolution.

💡Migration

Migration is a key theme in the video, referring to the movement of human populations out of Africa and across the globe. The speaker discusses how Homo Sapiens, like other hominid species before them, migrated in multiple waves, leading to encounters and interactions with other hominid species and shaping the course of human evolution.

💡Neanderthals

Neanderthals are an extinct species of human that lived contemporaneously with Homo Sapiens. The video explores the relationship between Neanderthals and Homo Sapiens, including the possibility of interbreeding and cultural exchange. Neanderthals are presented as a distinct species with their own cultural practices, contributing to the complexity of human evolution.

💡Language

Language is a system of communication using words and grammar. The video posits that the development of articulate language was a transformative event in human evolution, enabling complex social interaction, cooperation, and the transmission of culture. It is suggested that language may have originated from social interactions and play among early humans.

💡Archaeological Evidence

Archaeological evidence refers to the physical remains and artifacts from past human cultures that are used to study and understand human history. The video discusses various archaeological findings, such as cave paintings, musical instruments, and ritual burials, which provide clues about the cognitive and cultural capabilities of ancient humans.

💡Genetic Bottleneck

A genetic bottleneck is an event that reduces the population size of a species, leading to a temporary reduction in genetic diversity. The video suggests that Homo Sapiens experienced a genetic bottleneck, which may have occurred due to environmental catastrophes such as volcanic eruptions or glaciations, resulting in a small group of survivors that later repopulated the world.

💡Human Mind

The human mind, as discussed in the video, refers to the cognitive faculties of humans, including thought, consciousness, and the ability to create and understand abstract concepts. The evolution of the human mind is tied to the development of symbolic intelligence, language, and cultural complexity, which are seen as unique to Homo Sapiens.

💡Innovation

Innovation in the context of the video refers to the creation of new technologies, social structures, and cultural practices that drive human evolution. The speaker describes periods of significant cultural innovation, suggesting that these led to rapid advancements in human society and the eventual global dominance of Homo Sapiens.

Highlights

The speaker expresses great joy for the invitation and the opportunity to discuss the evolution of the human mind.

Discusses the difficulty in defining what is meant by 'mind' and the challenge of understanding its origins.

Highlights recent research from the past two to three years that have shed new light on human evolution, with little coverage in mainstream media.

Explains that many behaviors and traits we associate with modern human mind appeared relatively recently, around 35,000 to 40,000 years ago.

Describes the 'package of modernity' which includes wonderful cave paintings and complex symbolic works that appeared abruptly.

Mentions the scarcity of fossil evidence for language, thoughts, and behaviors, making the study of these traits challenging.

Introduces the concept of the 'Final Wave' hypothesis, suggesting a significant event in human evolution that is still not well understood.

Discusses the genetic evidence suggesting that all humans today descend from a small group of individuals, possibly due to a population bottleneck.

Suggests that Homo sapiens might have been reduced to a small population due to environmental catastrophes, such as volcanic eruptions or glaciations.

Indicates that Homo sapiens have been migratory species, with multiple migrations out of Africa over the past 2 million years.

Explains the interactions between Homo sapiens and other hominid species like Neanderthals and Denisovans, and the possibility of interbreeding.

Describes the cultural exchanges and lack of hostility between different hominid species during periods of coexistence.

Details the evidence of symbolic behavior such as body ornaments and ochre use dating back to 60,000 to 70,000 years ago in Africa.

Highlights the discovery of the 'founder effect' in genetic diversity, with the highest diversity found in Southern African populations.

Discusses the possibility that the Homo sapiens who left Africa during the 'Final Wave' were the ones who developed symbolic language and advanced cultural practices.

Contemplates the duality of human nature, where the same traits that led to creative and symbolic thinking also led to invasive behavior and species extinction.

Ends with a reflection on the importance of understanding our evolutionary past to address current ecological challenges and our relationship with the environment.

Transcripts

play00:00

Ma io sono felicissimo di questo invito

play00:03

di questa occasione di incontro e di

play00:06

vedervi così numerosi qui questa sera

play00:08

tantissimi consenzienti per sentire

play00:12

parlare di evoluzione e

play00:15

il compito che ho questa sera è

play00:18

difficilissimo quindi non so se riuscirò

play00:20

ad assolverlo con la storia che ho

play00:23

preparato per voi

play00:25

perché mi è stato chiesto naturalmente

play00:27

siamo nel contesto del festival della

play00:29

mente creatività di parlare di Quando è

play00:33

nata la mente umana la mente di Homo

play00:38

Sapiens

play00:39

tema molto difficile perché in realtà

play00:41

non lo sappiamo bene Non sappiamo

play00:43

nemmeno bene che cosa intendere per

play00:45

mente però ho accettato con piacere

play00:48

perché è l'occasione per raccontarvi Se

play00:51

volete di alcune ricerche molto recenti

play00:53

degli ultimi due anni due anni e mezzo

play00:56

tre Massimo quindi di cui si è parlato

play00:58

molto poco ancora

play01:00

sui giornali una stampa che non sono

play01:02

ancora arrivati sui manuali scolastici

play01:04

nostri in Italia Chissà quando mai

play01:07

arriveranno Diciamo in generale E quindi

play01:10

può essere una storia interessante anche

play01:12

se vi dico subito una storia aperta È un

play01:15

finale aperto con varie ipotesi però ci

play01:17

sono degli indizi interessanti che fino

play01:20

a qualche anno fa non avevamo

play01:22

indizi per parlare di che cosa per

play01:24

parlare di un mistero di un autentico

play01:26

mistero oggi Sergio givone ha spiegato

play01:28

la scienza no che ha a che fare con

play01:30

l'essere Ci ha spiegato in realtà Dal

play01:33

mio punto di vista la scienza ha anche

play01:34

fare soprattutto oggi con il divenire

play01:36

con le trasformazioni e gli

play01:38

evoluzionisti oggi sanno che tanti di

play01:41

quegli aspetti di quei comportamenti di

play01:43

quei caratteri che noi oggi Vediamo che

play01:45

ci appartengono il linguaggio di cui

play01:47

sentite parlare così bene Quest'anno

play01:49

attraverso Andrea Moro le sue tre

play01:51

lezioni l'intelligenza astratta

play01:53

l'immaginazione oggi ci sono ma gli

play01:56

evoluzionisti hanno questo vezzo e

play01:58

questo difetto ci spiegano che un tempo

play02:00

non c'erano e quindi gli scienziati

play02:02

hanno il compito di capire cosa è

play02:04

successo quand'è che si sono evolute

play02:06

perché prima non c'erano e adesso ci

play02:08

sono cosa è successo il problema di

play02:11

questi di questi comportamenti è che

play02:13

lasciano pochi fossili il linguaggio non

play02:15

lascia fossili le parole non lasciano

play02:17

fossili i pensieri non lasciano fossili

play02:21

E allora l'esercizio diventa un

play02:23

esercizio da scienziati Sherlock Holmes

play02:26

cioè diventa un esercizio sul serio un

play02:28

esercizio indiziario bisogna basarsi su

play02:30

prove indirette e provare a ricostruire

play02:33

degli scenari possibili con prudenza

play02:36

naturalmente senza lasciarsi prendere da

play02:38

quelle storie molto affascinanti che poi

play02:40

non hanno dati come è stato fatto spesso

play02:42

in passato oggi qualche indizio ce

play02:45

l'abbiamo e sta venendo fuori un'ipotesi

play02:47

che io trovo molto suggestiva e che ho

play02:50

chiamato l'ipotesi della Final Wave cioè

play02:52

dell'ultima Ondata e che è quello a cui

play02:54

arriverò spero rapidamente in questo

play02:57

racconto entriamo subito nel merito Qual

play02:59

è il mistero il mistero è presto detto è

play03:02

una discrepanza temporale i conti non

play03:04

tornano perché perché tutti i

play03:07

comportamenti che noi di solito

play03:09

associamo alla mente umana moderna e Al

play03:12

linguaggio sono comparsi in tempi

play03:15

relativamente recenti

play03:17

sono comparsi all'incirca tra 35 e 40

play03:21

mila anni fa vuol dire recenti Sì per

play03:23

un'evoluzionesta sono molto recenti sono

play03:25

uno straterello geologico una unità di

play03:27

tempo Quindi un battito di ciglia del

play03:30

tempo biologico del tempo biologico e si

play03:33

sono manifestate e questo accresce il

play03:36

mistero tutte un colpo non è che compare

play03:39

prima una certa comportamento poi un

play03:42

altro poi un altro No tutto ad un colpo

play03:43

una volta un mio collega evoluzionista

play03:45

molto simpatico molto arguto quando È

play03:50

sobrio diciamo gli antatsal e ho detto è

play03:54

come se il pacchetto modernità fosse ci

play03:57

fosse stato consegnato tutto insieme non

play03:59

a pezzi non trovate tutto insieme e il

play04:02

pacchetto modernità In cosa consiste

play04:03

consiste in meravigliose pitture

play04:05

rupestri meravigliosi Graffiti che

play04:08

vediamo distribuiti in tutta Europa

play04:09

nella Francia meridionale Ma anche in

play04:11

Italia in Spagna Altamira la Score le

play04:14

avrete visti tante volte ma anche in

play04:17

Australia 40.000 anni fa già ci sono

play04:19

degli esseri umani capaci di produrre

play04:20

dei graffiti meravigliosi delle donne

play04:22

che danzano attorno a un oggetto

play04:25

misterioso Insomma opere simboliche

play04:28

straordinarie di grandissima complessità

play04:31

e opere artistiche sapete ad alta mira

play04:36

con delle caratteristiche eccezionali

play04:38

per quello che poi noi sappiamo essere

play04:40

successo dopo alla sco' e a showvez

play04:44

soprattutto ma anche ad alta Mira sapete

play04:46

che le scene che raffigurano molto

play04:49

realisticamente la caccia agli animali

play04:52

che sono praticamente dei meravigliosi

play04:54

dipinti sono delle delle istantanee di

play04:57

scene di caccia del paleolitico sono

play05:00

diversi in una quasi prospettiva con gli

play05:02

animali lontani un po' più piccoli Gli

play05:04

animali in primo piano

play05:06

quegli artisti sapete hanno usato le

play05:09

legibbosità le imperfezioni della roccia

play05:12

per avere un effetto nel disegno Questo

play05:15

l'abbiamo scoperto quando abbiamo smesso

play05:16

di illuminarli con una luce artificiale

play05:18

abbiamo fatto un esercizio molto

play05:20

semplice sono entrati in quella grotta e

play05:22

le hanno illuminate con delle torce con

play05:24

il fuoco e hanno visto che nel

play05:26

balucinare della luce aveva degli

play05:27

effetti particolari sui disegni quindi

play05:29

una raffinatezza

play05:30

straordinaria e prima quasi niente

play05:33

tant'è che qualcuno ha parlato del

play05:36

cosiddetto grande balzo in avanti e come

play05:38

Se improvvisamente ci fosse stato un

play05:40

grande balzo in avanti delle capacità

play05:41

Creative umane ma il fatto è ancora più

play05:44

misterioso perché mentre succede Questo

play05:46

negli stessi periodo non prima né dopo

play05:49

ma sempre in questo periodo gli esseri

play05:52

umani gli homo sapiens di Allora nostri

play05:54

antenati diretti iniziano anche ad

play05:57

esprimere altre capacità per esempio

play05:59

iniziano varie culture rituali

play06:01

bellissime come quelle di sunjir per

play06:03

esempio della cultura sangeriana

play06:05

nell'attuale Russia vicino a Mosca

play06:08

queste sepolture molto complesse in cui

play06:11

il defunto viene accompagnato in un

play06:13

viaggio e vengono messi vicino a lui

play06:15

degli ornamenti dei monili in una

play06:18

sepoltura di su un giro Addirittura uno

play06:20

che probabilmente era il principe e il

play06:21

campo del villaggio viene accompagnato

play06:23

nel suo viaggio da zanne di mammut

play06:25

raddrizzate e poi si è scoperto dopo per

play06:28

raddrizzarle ci vuole una tecnica di

play06:30

bollitura lunghissima quindi qui

play06:33

chiaramente ci sono in azione degli

play06:35

esseri umani che pensano al mondo in un

play06:37

modo diverso da come tutti Prima avevano

play06:39

pensato e che decidono di investire un

play06:42

sacco di tempo un sacco di risorse per

play06:45

delle attività che non servono a niente

play06:46

per la sopravvivenza ma sono diventate

play06:48

delle attività simboliche delle attività

play06:50

che hanno delle caratteristiche che

play06:52

vanno oltre la letteralità di quello che

play06:54

sto facendo stanno mettendo dentro le

play06:57

cose ciò che nelle cose non non c'era

play07:00

per citare proprio la differenza tra

play07:03

scienza e Arte che abbiamo sentito anche

play07:04

oggi pomeriggio questo viene chiamata

play07:06

rivoluzione paleolitica insieme con

play07:08

questi comportamenti ci sono anche i

play07:10

primi strumenti musicali meravigliosi

play07:12

per esempio in Germania è stato trovato

play07:13

un flauto in un fatto con un osso di

play07:16

avvoltoio bellissimo anche questo ha più

play07:18

di

play07:20

304/35.000 anni i primi calendari lunari

play07:24

delle placche dove ci sono questi segni

play07:26

con questo strano andamento in base ai

play07:29

7x4 e potrebbero essere solo o i calcoli

play07:33

i primi rudimentali calcoli delle fasi

play07:36

lunari oppure C'è chi pensa anche del

play07:38

ciclo mestruale femminile per cui In

play07:41

ogni caso c'è l'idea che qui c'è un uomo

play07:43

un essere umano una donna un uomo o un

play07:46

cucciolo che sta pensando alle

play07:47

regolarità della natura si sta ponendo

play07:49

delle domande su quello che succede vede

play07:51

passare questo oggetto regolarmente si

play07:53

chiede perché ecco tutto questo succede

play07:55

in quel periodo

play07:57

e noi non sappiamo cosa è successo

play07:59

Perché solo alcuni esseri umani e così

play08:03

di recente cominciano a fare queste cose

play08:05

il mistero è ulteriormente aggravato dal

play08:08

fatto che Homo Sapiens era nato molto

play08:11

tempo prima ed è questa la discrepanza

play08:13

temporale che su cui voglio discutere

play08:15

con voi per un po' perché Homo Sapiens

play08:19

oggi ormai la sappiamo per certo perché

play08:20

abbiamo dati molecolari archeologici

play08:22

tutti i tipi è nato in Africa Noi siamo

play08:24

nati in Africa circa 200.000 anni fa

play08:26

quindi anche se vi sembra tanto In

play08:29

realtà noi siamo una specie molto

play08:30

giovane se voi fate un calcolo

play08:33

sull'età media delle specie Noi abbiamo

play08:36

siamo neonati siamo giovanissimi abbiamo

play08:39

4/5 anni rispetto a una vita umana

play08:41

quindi siamo una specie cucciola che già

play08:44

ne ha combinata di tutti i colori

play08:45

peraltro nei suoi primi vagiti diciamo E

play08:48

quindi noi siamo nati in Africa 200.000

play08:51

anni fa e adesso fatti due conti

play08:53

nasciamo in Africa 200.000 anni fa ma

play08:55

Iniziamo a fare tutte quelle cose un un

play08:58

sacco di tempo dopo da qualche altra

play09:00

parte cosa è successo questa è una cosa

play09:02

molto strana nell'evoluzione di solito

play09:04

non succede così nell'evoluzione di

play09:07

solito voglio assolutamente tediarvi con

play09:10

questioni tecniche ma per farla semplice

play09:11

di solito nell'evoluzione i cambiamenti

play09:13

morfologici comportamentali quando nasce

play09:16

una specie cominciano subito anzi di

play09:18

solito spesso sono concentrati proprio

play09:20

all'inizio e invece Homo Sapiens sembra

play09:23

essere nato due volte prima siamo nati

play09:27

fisicamente anatomicamente così come

play09:30

siamo fatti Adesso possiamo rimasti

play09:31

molto stabili da quel momento in poi e

play09:34

poi siamo nati una seconda volta

play09:35

mentalmente una nascita anatomica e una

play09:39

nascita cognitiva e questo Gap è molto

play09:42

strano perché questo scoppio ritardato

play09:45

cosa è successo

play09:48

diciamo Gli scienziati come è normale

play09:51

che sia quando c'è una questione

play09:52

controversa si dividono litigano e

play09:55

infatti su questa questione le

play09:56

evoluzionista litigano da decenni e come

play09:59

si conviene si formano delle fazioni si

play10:01

formano delle ipotesi alternative e di

play10:04

solito si confrontano due fazioni Una è

play10:08

quella dei cosiddetti gradualisti ne

play10:10

avrete sentito parlare poi nei dibattiti

play10:12

sull'evoluzione il gradualisti sono

play10:14

quelli convinti che quella rivoluzione

play10:16

che vi ho descritto prima sia soltanto

play10:18

apparente non è successa per davvero

play10:21

Perché ci sembra una rivoluzione perché

play10:24

finora non abbiamo trovato dei reperti

play10:26

che illustrano la lunga preparazione che

play10:29

gradualmente ha portato a quella

play10:32

presunta apparente rivoluzione quindi

play10:35

non credono che ci sia stato niente di

play10:37

drammatico perché nell'evoluzione dire

play10:39

che c'è stato qualcosa di così

play10:40

improvviso è imbarazzante per alcuni di

play10:44

solito queste gradualisti appartengono a

play10:46

quella diciamo visione dell'evoluzione

play10:48

ultra darwiniana quelli che pensano che

play10:51

l'evoluzione sia tutto Seleziona

play10:52

naturale adattamento Piano piano molto

play10:54

lenta una vecchia immagine

play10:56

dell'evoluzione Avete già capito non

play10:59

riesco Non dirlo diversamente ma non è

play11:00

una posizione che mi è particolarmente

play11:02

congeniale cerco sempre di riconoscere

play11:05

non fare mai la caricatura di quelli che

play11:08

non di cui non condivide le posizioni

play11:09

però siamo esseri umani e non mi riesce

play11:11

mi viene traspare dalle parole che non è

play11:13

una posizione che mi piace tantissimo

play11:15

però è una posizione nobilissima perché

play11:18

fu di Darwin stessa Darwin fece una nota

play11:21

predizione rischiosa sbagliata e questo

play11:25

mi piace invece dire con tutte le volte

play11:27

in cui darmi si è sbagliato

play11:28

clamorosamente lui nell'origine Delle

play11:30

specie dice Guardate l'evoluzione è

play11:32

sempre un processo lento e uniforme Non

play11:36

solo ma aggiunge un carico e dice e se

play11:38

in futuro scoprirete invece che qualche

play11:42

volta l'evoluzione avviene per grandi

play11:43

salti sappiate che dovete prendere la

play11:46

mia teoria e metterla in un cassetto

play11:47

perché sbaglia

play11:49

si sbagliava due volte per altro Perché

play11:51

ha sbagliato la predizione Perché invece

play11:53

abbiamo scoperto che le accelerazioni

play11:55

nell'evoluzione esistono e come ma si

play11:57

sbagliava due volte perché la scoperta

play12:00

di queste accelerazioni non ci porta

play12:02

affatto a mettere nel cassetto la sua la

play12:05

sua teoria Quindi è stato troppo Severo

play12:06

con se stesso in questo caso sbagliando

play12:09

quindi per dire semplicemente secondo

play12:12

questa posizione in futuro troveremo

play12:14

prove di gradualità e il problema sta

play12:17

tutto nella imperfezione della

play12:18

documentazione è un problema soltanto

play12:20

provvisorio dall'altra parte ci sono

play12:23

impuntuazionisti e punto azionisti sono

play12:26

quelli già dalla parola o capite che

play12:28

invece sono convinti che nell'evoluzione

play12:30

siano possibili delle punteggiature

play12:33

punteggiature vuol dire dei momenti in

play12:35

cui la normale andamento graduale

play12:38

dell'evoluzione viene interrotto e viene

play12:40

accelerato fortemente e ci sono dei

play12:42

periodi di grandi innovazione di grande

play12:45

di rapido cambiamento questi per esempio

play12:47

Steven j- Goodnight hanno proprio

play12:50

proposto questa teoria degli equilibri

play12:51

punteggiati Che vuol dire questo no

play12:54

l'evoluzione come diceva Good come la

play12:56

vita del soldato lunghi periodi di noia

play12:59

in cui apparentemente non succede niente

play13:01

poi brevi momenti di terrore cioè brevi

play13:03

momenti in cui avvengono dei cambiamenti

play13:05

drammatici molto veloci molto rapidi

play13:08

dentro i quali si condensano le

play13:10

innovazioni più importanti

play13:12

Questa seconda posizione per me a me è

play13:15

più congeniale però una posizione

play13:16

rischiosa che non bisogna

play13:19

radicalizzare troppo per esempio questa

play13:21

visione puntualista piace un sacco a

play13:24

tutti gli anti darwiniani e piace un

play13:26

sacco anche agli antivoluzionisti perché

play13:27

sono convinti che immaginare questa

play13:30

esplosioni sia un modo per trovare una

play13:31

nuova teoria dell'evoluzione cosa che in

play13:34

realtà non è sono solo degli

play13:36

aggiornamenti della teoria

play13:37

evoluzionistica e poi non ho mai capito

play13:39

perché apro una parentesi poi la chiudo

play13:41

subito questa visione punto azionista

play13:43

piace un sacco anche i teologi ho visto

play13:45

recentemente perché non so perché questa

play13:48

idea che ci siano arrivati questa sera

play13:50

da questa esplosione improvvisa da loro

play13:52

l'idea che quindi nell'evoluzione ci

play13:54

siano stati dei Salti ontologici o delle

play13:57

immissioni miracolose di spiriti ad un

play14:00

certo punto dell'anima all'interno

play14:02

dell'evoluzione posizione

play14:04

rispettabilissima ma molto difficile da

play14:06

verificare ovviamente sperimentalmente e

play14:08

le innovazioni di cui vi sto parlando

play14:10

non hanno Questo ovviamente

play14:11

caratteristica

play14:12

recentemente Monsignor Ravasi Anzi come

play14:15

Cardinale Ravasi ha proprio scritto sul

play14:17

Sole 24 Ore che ad un certo punto

play14:19

nell'evoluzione deve esserci stata in

play14:21

qualche specie del genere Homo

play14:23

l'immissione dello spirito e l'emissione

play14:26

dell'anima che è una cosa che mi ha

play14:28

sempre colpito molto perché quando sarà

play14:30

successo in quale specie poi perché se è

play14:33

successo in Homo habilis Probabilmente

play14:35

questa immissione dell'anima sarà stata

play14:37

ereditaria quindi la grande ereditata

play14:39

anche tutti quelli dopo solo che dopo

play14:40

homoardi ci sono state più di 12 specie

play14:42

umane e quindi chi l'ha presa Chi non

play14:45

l'ha presa ci sono state delle mutazioni

play14:46

in questa in questa ereditarietà dell'

play14:49

realtà Neanderthal ce l'aveva quindi Ma

play14:51

se perché si è estinto Allora non c'è

play14:54

più eccetera quindi un sacco di problemi

play14:55

che però non per fortuna non non

play14:57

riguardano questa questa conferenza di

play15:00

questa sera ma queste sono le due

play15:02

fazioni Che si contrappongono Adesso vi

play15:05

presento facendo quell'esercizio

play15:07

lasciarlo cons che vi ho detto prima

play15:09

degli indizi che vanno oltre queste

play15:12

posizioni perché sono molto recenti sono

play15:14

quelle scoperte che vi dicevo degli

play15:15

ultimi due o tre anni che probabilmente

play15:18

cambiano profondamente il quadro di

play15:20

riferimento dobbiamo ripensare a questo

play15:23

tema radicalmente anche sul piano

play15:25

teorico filosofico perché vedrete che

play15:27

richiama dei grandi temi teorici che non

play15:30

solo solo scientifici ma ci riguardano

play15:31

tutti e riguardano la grandi temi cosa

play15:34

cosa ci facciamo qui il posto l'uomo

play15:36

della natura

play15:38

questi indizi ve lo anticipo già fanno

play15:41

capire che probabilmente Anzi lo avrete

play15:43

già intuito hanno ragione un po' tutti e

play15:46

due hanno ragione un po' i gradualisti

play15:48

per certi aspetti e hanno ragione anche

play15:50

i punto azionisti non però per

play15:52

moderatismo così democristiano Per cui

play15:56

dobbiamo stare a metà ma in realtà

play15:57

perché

play15:58

entrambi sia gradualisti che punto

play16:01

azionisti devono aggiornare il loro

play16:03

quadro di riferimento e questo è un po'

play16:05

il messaggio di fondo Nel senso che

play16:06

l'evoluzione umana oggi ci ha fatto

play16:08

capire che dobbiamo aggiornare la teoria

play16:10

evoluzionistica e questo è un bene

play16:11

fondamentale tutte le teorie

play16:13

scientifiche devono essere riviste

play16:15

aggiornate perché altrimenti vuol dire

play16:17

che arrancano che non stanno facendo il

play16:19

loro mestiere e per capire gli indizi

play16:21

che adesso vi dirò fra poco bisogna

play16:23

avere in mente una visione

play16:25

evoluzionistica ancora darwiniana ma in

play16:28

senso pluralista in cui possono

play16:29

succedere più cose e non c'è soltanto un

play16:32

unico grande tipo di meccanismo di tipo

play16:36

selettivo e sono indizi lo vedrete alla

play16:40

fine in cui finalmente perché non era

play16:42

mai successo prima gli scienziati

play16:44

cominciano a cercare di capire cosa è

play16:46

successo quando l'evoluzione biologica

play16:48

umana

play16:49

si è nell'evoluzione biologica si è

play16:52

innestata l'evoluzione culturale perché

play16:54

questa è la grande il grande tema no la

play16:57

grande questione Quand'è che noi abbiamo

play16:59

dato inizio a questa prorompente

play17:00

velocissima inarrestabile evoluzione

play17:03

culturale tecnologica dentro la quale

play17:05

siamo ancora immersi adesso iniziamo

play17:09

facciamo l'esercizio adesso con gli

play17:11

indizi io faccio proprio così intanto

play17:12

una cosa semplice io ve li butto lì Uno

play17:15

per Uno sono cinque o sei e secondo me

play17:18

se state attenti alla fine l'ipotesi la

play17:19

tirate fuori voi perché sta sta lì nelle

play17:22

cose È abbastanza evidente Allora primo

play17:27

indizio è Sherlock Holmes che è venuto

play17:28

fuori due anni fa che ha sorpreso tutti

play17:31

gli scienziati non ci aspettavamo

play17:33

Homo sapiens

play17:35

ha una serie di prerogative uniche non

play17:39

eccezionali uniche Nel senso che ce l'ha

play17:41

solo lui le altre specie ce ne hanno

play17:43

delle altre una di queste è che la

play17:46

diversità genetica tra tutti gli esseri

play17:49

umani che oggi abitano il pianeta Terra

play17:51

tutti dalla origine australiano

play17:54

all'abitante di New York al nativo

play17:56

sudamericano a noi tutti quanti abbiamo

play17:59

una diversità genetica bassissima più

play18:03

bassa di quella di tutti i nostri

play18:05

parenti più stretti lo scimpanzé è

play18:07

diviso in più specie sotto varietà Il

play18:09

gorilla pure l'orango pure noi da tutte

play18:11

le scimmie antropomorfe abbiamo una

play18:13

variabilità genetica bassissima cioè

play18:15

soltanto una piccolissima percentuale

play18:17

del nostro genoma varia da un individuo

play18:19

all'altro quindi noi siamo tutti cugini

play18:22

strettissimi siamo tutti fratelli

play18:23

sorelle siamo tutti geneticamente molto

play18:27

più simili di quanto qualsiasi primate a

play18:30

noi imparentato sia

play18:32

perché questa è una cosa strana questa è

play18:34

un altro fatto strano che i genetisti

play18:37

possono spiegare soltanto in un modo e

play18:40

questo è il primo indizio una specie

play18:42

può essere così omogenea geneticamente

play18:46

solo se almeno in un momento della sua

play18:49

storia noi ci siamo ritrovati in

play18:52

pochissimi perché perché o all'inizio

play18:55

della nostra storia o durante la nostra

play18:58

storia ad un certo punto gli esseri

play19:00

umani sono rimasti così in pochi da

play19:02

avere tutti un patrimonio genetico

play19:04

abbastanza vicino e da trasmetterlo a

play19:07

tutti i discendenti Questo si chiama

play19:08

collo di bottiglia no L'idea che una

play19:10

specie ha una certa popolazione poi si

play19:13

restringe molto una deriva genetica per

play19:15

una catastrofe ambientale le ragioni

play19:17

possono essere più diverse poi da quei

play19:19

pochi sopravvissuti però ce la fanno e

play19:22

da quei pochi li riparte tutta la

play19:24

popolazione Quindi tutta la popolazione

play19:26

che viene dopo è tutta discendente di

play19:28

quei pochi di quel gruppo lì

play19:30

quindi noi siamo così coesi

play19:32

geneticamente non solo perché siamo

play19:34

giovani Siamo africani Ma perché dopo la

play19:36

nostra nascita ci siamo trovati in pochi

play19:38

e questo è il bello i genetisti sanno

play19:41

anche fare i calcoli sul tempo e sul

play19:44

luogo e su Quanti eravamo pensate che

play19:47

probabilmente tutti i 7 miliardi di

play19:49

esseri umani che oggi abitano il pianeta

play19:51

discendono da un gruppo di pionieri di

play19:53

fondatori che non doveva avere più di

play19:56

20-25.000 individui Io non so quanti

play19:59

abitanti abbia Sarzana Ma fate il conto

play20:01

immaginatevi che una parte da una parte

play20:03

di Sarzana vengano fuori tutti gli

play20:06

esseri umani che oggi abitano il pianeta

play20:07

quindi noi tutti veniamo fuori da un

play20:09

piccolo gruppo di fondatori 20-25.000

play20:11

individui tra maschi e femmine Ok quindi

play20:14

tra l'altro immaginate pochissime coppie

play20:16

noi veniamo fuori da quel gruppo lì ma

play20:19

il dato ancora più interessante è che

play20:21

quel gruppo lì da cui veniamo fuori

play20:23

tutti è vissuto da qualche parte

play20:25

probabilmente in Africa tra 60 e 70 75

play20:30

anni fa quindi

play20:33

Qui abbiamo una serie di elementi

play20:35

interessanti primo Vabbè cosa è successo

play20:38

in realtà non lo sappiamo Probabilmente

play20:40

noi ci siamo trovati in pochi perché ci

play20:42

siamo trovati in difficoltà e dal punto

play20:45

di vista ecologico forse a causa dei

play20:47

glaciazioni Alcuni pensano altri un po'

play20:49

più catastrofisti pensano che tutto

play20:51

questo sia dovuto a un'eruzione

play20:53

vulcanica catastrofica che c'è stata

play20:55

73.000 anni Fa l'eruzione del toba in

play20:58

questo enorme vulcano sull'isola di

play21:00

Sumatra siete stati a Sumatra avrete

play21:02

visto la caldera di più di 100 km di

play21:05

diametro di questa vulcano che è esploso

play21:08

e che ha creato un inverno Vulcanico che

play21:11

è durato migliaia di anni in quel

play21:13

periodo la temperatura terrestre È

play21:14

crollata di 6/7 gradi in tutto il mondo

play21:17

si sono interrotte le catene alimentari

play21:20

quasi del tutto È stata una catastrofe

play21:21

di livello inimmaginario e pensate che

play21:23

tutta L'India è stata sommersa

play21:25

all'incirca da un metro di cenere quindi

play21:27

una Pompei colossale Allora una

play21:31

catastrofe di questo tipo è

play21:32

potenzialmente capace di ridurci in

play21:35

molto di numero e si pensa che dopo

play21:37

questa catastrofe e gli homo sapiens

play21:39

siano sopravvissuti in piccoli gruppi in

play21:41

Africa in Africa meridionale Questa è

play21:43

una delle ipotesi però non è non è

play21:45

l'unica che abbiamo Ce ne sono anche

play21:47

delle altre che adesso non abbiamo tempo

play21:48

di enucleare primo indizio Quindi

play21:51

eravamo molto pochi e eravamo pochi di

play21:55

recente 70 70 mila anni fa tra l'altro

play21:59

anche qui è interessante sul piano

play22:01

teorico perché vuol dire letteralmente

play22:03

che la specie umana Noi siamo stati

play22:06

almeno in un'occasione sull'orlo

play22:08

dell'estinzione Quindi è già successo

play22:11

una volta sarebbe bene evitare di

play22:13

ripeterlo la seconda diciamo siamo stati

play22:15

al pelo dall'estinzione

play22:19

seconda indizio

play22:21

collegato in parte a questo

play22:25

lo dico in modo veloce tutte le specie

play22:28

del genere Homo sono specie migratrice

play22:31

Questa è una scoperta ormai consolidata

play22:33

da quando è nato il genere Homo due

play22:36

milioni di anni fa in Africa noi e tutte

play22:39

le altre specie di abbiamo mai smesso di

play22:42

spostarci Noi siamo delle specie

play22:44

invasive e noi lo sappiamo chi essere ma

play22:47

che questo valga da 2 milioni di anni

play22:49

non era così scontato e in particolare

play22:52

le specie umane sono uscite a più

play22:55

riprese dalla nostra culla d'origine che

play22:57

l'Africa e questo modello si chiama

play22:59

dell'autofer Africa al plurale no molte

play23:02

volte e questo è un dato interessante Se

play23:05

volete poi ne possiamo parlare dopo nel

play23:06

dibattito perché in realtà non sappiamo

play23:07

esattamente perché però in pratica noi

play23:10

più volte siamo nati tutte le volte in

play23:13

Africa queste specie nasceva in Africa e

play23:15

poi uscivano dall'Africa quindi l'Africa

play23:17

è stata la culla dell'umanità non

play23:19

soltanto una volta ma tante volte e le

play23:22

auto fabbriche più importanti sono state

play23:24

tre una circa un milione e 900.000 anni

play23:27

fa quindi all'inizio del genere Homo

play23:29

escono dei nostri antenati di Homo

play23:32

ergaster questa specie e occupano tutto

play23:34

il vecchio mondo l'Europa l'Asia

play23:36

arrivano fino all'estremo Oriente e

play23:37

l'Africa poi ce n'è stata una seconda

play23:39

circa 800.000 anni fa che di nuovo ha

play23:44

portato altri esseri umani fuori

play23:45

dall'Africa ad andare ad occupare tutta

play23:47

l'Asia e l'Europa e infine una terza

play23:51

grande autofabbrica che è la nostra

play23:53

quella di Homo Sapiens che è cominciata

play23:56

100-110.000 anni fa

play23:58

Allora State attenti se le cose

play23:59

immaginatevi la situazione Avete tutti

play24:01

in mente un mappamondo vede sapete come

play24:03

distribuiscono distribuiti i continenti

play24:06

immaginatevi che sempre dallo stesso

play24:08

punto che tra l'altro è abbastanza

play24:09

preciso è il Corno d'Africa la zona che

play24:13

adesso diciamo Etiopia Eritrea Somalia

play24:15

Gibuti quella zona di fino al Kenya

play24:17

diciamo da lì da quell'area lì

play24:19

continuano ad uscire grandi migrazioni

play24:22

fuori almeno tre volte

play24:24

cosa cosa capite da questo che quelli

play24:28

che arrivavano dopo E noi siamo arrivati

play24:30

buoni ultimi hanno incontrato quelli che

play24:34

erano usciti prima quindi l'evoluzione

play24:36

umana è stata una stratificazione di

play24:38

migrazioni Noi siamo usciti e quando per

play24:41

esempio Homo Sapiens cioè noi siamo

play24:42

usciti Non abbiamo trovato terre vergini

play24:44

di umani di terre prive di umani no

play24:47

siamo usciti fuori e abbiamo trovato

play24:49

quelli che erano migrati che erano

play24:51

usciti dall'Africa la prima e la seconda

play24:53

volta quindi lo schema Si è complicato

play24:56

tantissimo in pratica è un gioco

play24:59

migratorio di spostamenti questo

play25:01

teniamocelonamente Noi non saremmo umani

play25:03

se non fossimo migratori se non ci

play25:06

fossimo spostati fossimo rimasti nello

play25:09

stesso posto la storia sarebbe andata

play25:10

diversamente tutte le altre specie umane

play25:12

le ultime quelle che si sono estinte

play25:14

guarda caso non tutte specie che state

play25:16

nel loro posto e non ci sono più l'unica

play25:18

specie che ha cominciato a spostarsi è

play25:20

l'unica che è rimasta e siamo siamo noi

play25:23

e uscendo fuori abbiamo incontrato altri

play25:27

umani e questo cambia tantissimo il

play25:29

quadro e lo rende molto più affascinante

play25:31

in pratica per dirla con uno slogan la

play25:33

storia umana non è mai stata una storia

play25:35

al singolare sempre stata una storia al

play25:37

plurale ci sono sempre state più specie

play25:39

umane fino a tempi recentissimi e questo

play25:42

è l'altro indizio di cui che io metto lì

play25:46

sul tavolo di Sherlock Holmes l'indizio

play25:49

sta proprio quindi il primo abbiamo

play25:52

detto

play25:53

piccolissima diversità genetica piccolo

play25:55

gruppo fondatore in Africa 60.000 anni

play25:58

fa la seconda queste continue uscite

play26:00

dall'Africa la terza sta nei rapporti

play26:02

tra Homo Sapiens e queste altre forme

play26:04

umane

play26:06

perché perché le cose sono andate in

play26:08

modo strano Quando i primi Sapiens

play26:11

escono dall'Africa

play26:12

110/120.000 anni fa ripercorrono gli

play26:16

stessi tracciati migratori delle auto fa

play26:19

delle diaspore precedenti arrivano i

play26:21

medioriente tanto questo è molto

play26:24

affascinante Secondo me se voi seguite

play26:27

queste tracciate migratori le zone più

play26:30

martoriate da sempre della storia umana

play26:33

il Medio Oriente l'Afghanistan sono

play26:36

stati guarda caso i luoghi di passaggio

play26:38

di continuo passaggio sono stati

play26:40

crogiuoli della diversità umane ed è

play26:44

tristissimo pensare che oggi non siamo

play26:45

capaci di gestire quella diversità che

play26:47

si è umana che si è creata in quei

play26:50

luoghi e poi è diventato una diversità

play26:51

ovviamente anche culturale linguistica

play26:53

abbiamo percorso Il corridoio del

play26:57

Levante più e più volte la Valle del

play26:59

Giordano siamo saliti su possiamo

play27:00

arrivati verso l'Europa poi verso l'Asia

play27:03

verso il Caucaso il Caucaso è un altro

play27:06

luogo di continuo passaggio di esseri

play27:09

umani il primo essere umano fuori

play27:11

dall'Africa viene dalla Georgia viene ad

play27:14

manisi viene dal piccolo Caucaso Allora

play27:18

gli homo sapiens esce incontra gente che

play27:21

stava lì da un sacco di tempo Incontra

play27:23

gli autoctoni noi non siamo autoctoni se

play27:27

non del Corno d'Africa o del Sudafrica

play27:29

una cosa bella che ti insegna

play27:31

l'evoluzione umana e che c'è sempre

play27:32

qualcuno più nativo di te questo sempre

play27:35

bene ricordare sempre qualcuno che era

play27:37

arrivato prima di te in un posto in

play27:38

Europa era arrivato prima Neanderthal

play27:40

che è nato qui si è sviluppato qui e qui

play27:43

ha avuto la sua reale di distribuzione

play27:46

Noi siamo arrivati dopo e abbiamo

play27:49

convissuto con lui siamo arrivati sui

play27:52

monti altai in Siberia meridionale e lì

play27:55

abbiamo vissuto con un'altra specie

play27:57

ancora che non c'è ancora un nome Omo di

play27:59

denisova è stato battezzato per ora

play28:01

possiamo arrivati in estremo Oriente in

play28:03

estremo Oriente abbiamo incontrato due

play28:04

altre specie umane un ultimo homo

play28:07

erectus sopravvissuto su Java sull'isola

play28:10

di Giava E pensate su una piccola isola

play28:13

che l'isola di Flores che sapete una di

play28:16

quelle isole di quella catena che poi va

play28:17

verso Timor Est verso l'Australia Bali

play28:20

lombok e tutte queste a un certo punto

play28:21

c'è questa piccola isola di Flores su

play28:23

quell'isola c'era un'altra specie umana

play28:25

solo di quell'isola lomo floresis che

play28:28

era un discendente di una specie molto

play28:30

più antica nostro cugino molto alla

play28:33

lontana quindi una storia diversa della

play28:34

nostra Noi siamo arrivati lì e lo

play28:37

abbiamo incontrato e poi siamo passati

play28:38

oltre siamo andati verso l'Australia

play28:40

abbiamo convissuto anche con questo

play28:42

altro nostro Alter Ego evoluzionistico

play28:46

l'uomo di Florence era piccolino Perché

play28:48

sulle Isole specie di grandi dimensioni

play28:50

hanno subiscono un fenomeno che si

play28:53

chiama nanismo insulare era alto un

play28:55

metro e 05 è stato chiamato Hobbit Man

play28:58

perché aveva anche dei piedoni molto

play28:59

lunghi e quindi scienziati subito

play29:01

ovviamente si divertono aveva tecnologie

play29:04

grandi

play29:05

criptovalute avanzate come come le

play29:08

nostre e si cibava di Ratti di un metro

play29:11

e mezzo e quindi sembra una storia di

play29:12

Jonathan Swift di Gulliver un'isola con

play29:14

uomini piccoli Ratti giganti Cicogna

play29:17

altri due metri però è così è successo

play29:18

davvero l'evoluzione fa anche questi

play29:21

scherzi sulle dimensioni quindi cinque

play29:23

specie umane Qual è l'indizio

play29:25

interessante è che quando vabbè tutti

play29:30

noi Adesso abbiamo già retropensiero Va

play29:31

beh ovvio sappiamo già Com'è andata la

play29:33

storia arriviamo noi

play29:34

arriviamo noi ovunque e li estinguiamo

play29:37

tutti Ovvio è andata così è una vecchia

play29:40

storia diciamo della frontiera che

play29:42

abbiamo tutti in mente e infatti ci

play29:44

aspettavamo questo In realtà non è

play29:46

andata così è andata un po' più

play29:47

complicato gli homo sapiens arrivano in

play29:50

queste terre convivono spesso per lunghi

play29:53

periodi con queste loro Altre forme

play29:56

umane e possiamo solo immaginare cosa

play30:00

cosa diavolo sarà successo immaginate il

play30:02

Neanderthal che si vede arrivare uno

play30:03

alto

play30:05

10 cm più di cui mediamente pelle scura

play30:08

molto sveglio ottimo Cacciatore si sarà

play30:11

chiesto da dove diavolo è arrivato

play30:12

questo qua cosa vuole Cosa è perché però

play30:15

in realtà le cose sembrano essere andate

play30:17

abbastanza bene nei primi millenni

play30:20

perché in alcuni territori per esempio

play30:22

ci scambiavamo i Ripari di roccia un po'

play30:26

lo tenevano loro poi arrivavano noi e

play30:28

raramente si vedono segnali di ostilità

play30:31

di aggressività quasi mai quindi vuol

play30:33

dire che amo trovato un equilibrio se

play30:36

non alto demografico in certe zone

play30:38

addirittura ci sono degli scambi non so

play30:41

c'è un'innovazione culturale che emerge

play30:44

un accampamento dei Neanderthal e dopo

play30:46

un po' la trovi nei Sapiens e viceversa

play30:47

quindi o se le scambiavano o se le

play30:50

rubavano se le copiavano Insomma Eravamo

play30:52

lì insieme due specie umane difficile da

play30:55

immaginare anche filosoficamente

play30:56

trattato anche qui in queste zone qui

play30:58

nell'Appennino in Liguria fino a Nizza

play31:01

Balzi Rossi il Lazio in Puglia nel tutta

play31:04

la zona Prealpina facciamo una

play31:06

convivenza di più di Verdi diverse forme

play31:08

umane almeno due e forse anche di una

play31:11

terza più antica

play31:13

erano andate così bene le cose che

play31:15

secondo alcuni scienziati addirittura ci

play31:17

siamo anche felicemente accoppiati in

play31:19

alcuni casi Nel senso che oggi è

play31:22

ritenuta plausibile l'ipotesi che in

play31:24

alcuni territori ci siano stati degli

play31:26

accoppiamenti tra femmine Sapiens e

play31:29

maschi neandertaliani Il che la dice

play31:32

lunga sul destino dei maschi Sapiens

play31:34

perché è da 40.000 anni che ci facciamo

play31:36

fregare le donne da addirittura da

play31:38

un'altra specie che è una cosa veramente

play31:40

disastrosa quindi

play31:43

le donne stanno ridendo ma non so se

play31:45

avete mai visto un Neanderthal Comunque

play31:47

questo non è una cosa che mi riguarda

play31:50

il mondo i gusti femminili

play31:53

[Applauso]

play31:58

i gusti femminili sono un mondo molto

play32:00

poco scientifico quindi non posso

play32:02

trattarlo e questo è un Altro indizio

play32:06

importante perché

play32:07

lunga convivenza poi succede qualcosa ed

play32:12

è questo poi che dobbiamo capire passa

play32:15

un po' di tempo e invece dopo in un

play32:18

secondo tempo noi sappia diventiamo

play32:20

molto più aggressivi molto più invasivi

play32:23

molto più espansivi cresciamo diventiamo

play32:26

ingombranti e tutte le altre quattro

play32:28

forme umane spariscono e spariscono

play32:31

nello stesso periodo delle pitture

play32:33

rupestri di lascò di Altamira di shove

play32:35

da cui sono partito da 40.000 anni fa in

play32:38

avanti per gli altri non c'è stata più

play32:40

Storia prima sparisce Poi mette il

play32:42

denisova in Asia resiste il neanderth

play32:45

sapete che Neanderthal nella penisola

play32:47

iberica fino a 26.000 anni fa un'ultima

play32:50

in club a Gibilterra si sono rifugiati

play32:52

sulla costa non ho trovato un riparo

play32:54

sotto la rocca di Gibilterra e sono

play32:56

rimasti lì fino a 26000 anni fa

play32:58

non si sa perché non sono andati di là e

play33:01

lì la Costa si vede era possibile andare

play33:03

via non sono andati di là e si sono

play33:04

estinti è come se fossero stati

play33:07

schiacciati sempre di più da una

play33:09

presenza e quella presenza ovviamente

play33:11

siamo noi in questo caso però è successo

play33:13

dopo e anche questa è una discrepanza

play33:16

che non torna perché all'inizio

play33:19

sembra una convivenza così pacifica e

play33:22

poi gli equilibri si rompono

play33:23

Improvvisamente e loro spariscono e noi

play33:25

rimaniamo gli unici esseri umani su

play33:27

questo pianeta l'uomo di Flores che

play33:30

omoforesi che visitavo prima si è

play33:32

estinto su quell'isola 12.000 anni fa

play33:35

che è una datazione incredibile vuol

play33:37

dire praticamente che fino a

play33:40

aveste resistito ancora un paio di

play33:42

millenni vedeva l'agricoltura vedeva le

play33:44

prime città vedeva le prime civiltà

play33:46

umane Quindi praticamente se voi

play33:49

prendete la storia Avete studiato tutti

play33:50

a scuola con la s maiuscola andate

play33:52

indietro poche migliaia di anni rispetto

play33:54

ai Sumeri agli egizia le civiltà della

play33:56

scrittura su questo pianeta c'era

play33:58

un'altra superficie umana ancora

play33:59

presente che poi si estingue poco dopo

play34:01

quindi il fatto di essere noi umani gli

play34:05

unici umani qui di essere da soli è un

play34:07

evenienza molto recente e questo cambia

play34:10

completamente molte delle prospettive

play34:12

sull'evoluzione umana La nostra

play34:14

solitudine qui di specie è un evento

play34:16

contingente e molto recente non c'era

play34:19

nessuna necessità probabilmente

play34:21

inscritta in questo destino Noi siamo

play34:23

l'ultimo ramoscello di un cespuglio che

play34:26

fino a poco tempo fa era pieno di alti

play34:29

ramoscelli di altre forme umane forme si

play34:33

dice perché non sappiamo se no davvero

play34:35

altre specie distinte perché potendoci

play34:37

accoppiare dubbio se erano davvero delle

play34:40

specie distinte adesso aggiungo altri

play34:43

due indizi poi spero che la cosa cominci

play34:45

a chiarirsi l'altro indizio riguarda

play34:49

Quando è cominciata la rivoluzione

play34:52

paleolitica perché su questo abbiamo dei

play34:54

dati nuovi oggi e per questo dicevo che

play34:56

forse gradualisti un po' di ragione ce

play34:58

l'avevano perché prima di lassù di

play35:01

Altamira di tutte quelle cose che vi ho

play35:02

detto i primi sicuri oggetti che

play35:06

attestano un intelligenza simbolica

play35:08

umana sono molto più antichi risalgono a

play35:11

60 70 mila anni fa occhio alle date

play35:14

perché sono sempre stesse 60-70.000 anni

play35:17

fa in Africa non in Europa l'Europa ha

play35:21

perso anche questo primato era l'ultimo

play35:23

che aveva e nemmeno quello è stata la

play35:25

prima volta che è successo qui non è

play35:27

successo niente per la prima volta

play35:28

lì in Africa compaiono per esempio in

play35:31

Sudafrica soprattutto in Sudafrica

play35:33

Blondes queste placchetta di ocra Per

play35:36

esempio queste incisioni regolari

play35:38

cominciano gli ornamenti del corpo

play35:40

cominciano tutti quegli insieme di cose

play35:42

che vi ho spiegato all'inizio che

play35:43

costituiscono l'intelligenza simbolica

play35:46

60 70 mila anni fa Sudafrica Corno

play35:50

d'Africa poi li trovati in Europa

play35:52

40.000 anni fa e nello stesso periodo

play35:56

40-35.000 fa in Australia

play35:58

la geografia qui conta parecchio sembra

play36:01

che tutto sia cominciato ancora una

play36:03

volta in Africa che poi lo trovi dopo un

play36:04

po' in Europa e dopo un po' in Australia

play36:08

per ultimo indizio

play36:11

ancora di tipo genetico Questo è lo

play36:14

dobbiamo un genetista italiano quindi mi

play36:15

piace ricordarlo che appena compiuto 90

play36:18

anni è un grande Gloria della Scienza

play36:19

italiana che Luigi Luca Cavalli Sforza

play36:22

con il quale ha avuto l'onore e il

play36:24

piacere di lavorare anche negli ultimi

play36:25

anni e cavoli Sforza ha scoperto una ha

play36:29

fatto una scoperta bellissima secondo

play36:30

molto elegante molto molto bella che si

play36:33

chiama effetto del fondatore in serie la

play36:35

dico in un modo senza nessun tecnicismo

play36:37

Cosa vuol dire in soldoni vuol dire che

play36:39

la diversità genetica umana

play36:42

pur essendo così bassa di pochissima

play36:45

proprio devi cercarla con lanternino Ma

play36:48

sei con lanternino Vai a cercarle la

play36:50

misuri non è uguale in tutto il mondo e

play36:53

questo è ancora più sorprendente perché

play36:54

non è uguale in tutto il mondo perché in

play36:57

una parte del mondo specifica è molto

play37:00

più alta è sempre comunque molto bassa e

play37:03

mi raccomando però dentro quella

play37:04

percentuale di diversità è al massimo

play37:08

Avete già capito qual è questo luogo il

play37:10

Sudafrica il Sudafrica è Sudafrica e

play37:13

anche il Corno d'Africa perciò ti

play37:15

aspetti È il luogo dove gli esseri umani

play37:17

oggi contengono uno scrigno di autentico

play37:21

scrigno di diversità genetica e questo è

play37:24

ancora più interessante man mano che vi

play37:26

allontanate dal Sudafrica la diversità

play37:28

genetica diminuisce regolarmente come se

play37:32

ci fosse stato si chiama un effetto del

play37:34

fondatore in serie in pratica uno schema

play37:36

di questo tipo si spiega soltanto

play37:37

immaginando che tutto sia partito da lì

play37:39

quindi che quelle popolazioni

play37:42

sudafricane siano le quelle più vicine

play37:44

al punto di origine quindi c'è stato più

play37:47

tempo per accumulare variazioni

play37:49

genetiche poi di piccolo gruppo in

play37:51

piccolo gruppo Ecco si chiama effetto

play37:53

del fondatore in sede perché immaginare

play37:55

gruppi che si staccano piccolini e che

play37:58

vanno a colonizzare nuove Terre di

play38:01

piccolo gruppo in piccolo gruppo gli

play38:02

esseri umani si sono sparsi in tutto il

play38:04

mondo e per un fenomeno genetico che si

play38:06

chiama deriva gene ogni volta che un

play38:09

gruppo parte si porta dietro solo una

play38:11

porzione della diversità genetica

play38:13

precedente solo un pezzettino e quindi

play38:16

diminuisce sempre di più e questo è un

play38:18

effetto che voi potete vedere

play38:20

elegantissimo molto preciso In tutte le

play38:22

popolazioni umane Quindi se tu vai in

play38:25

Sud America che il luogo più lontano

play38:26

troverai la diversità genetica molto

play38:29

bassa così come anche il Nord America

play38:30

Perché agli antipodi e nel punto più

play38:33

lontano rispetto al luogo di partenza

play38:34

che è stato il Sudafrica Tra l'altro ho

play38:37

dimenticato di dire ma è sempre molto

play38:38

importante Non gli attuali sudafricani

play38:41

in generale ma questa scrigno di

play38:45

ricchezza biologica si trova nelle

play38:47

popolazioni che parlano le lingue coisan

play38:50

che sono quelle lingue Forse le

play38:52

conoscete che hanno i clicks no questi

play38:54

schiocchi sul palato e noi non siamo

play38:57

capaci di fare e che assomigliano

play38:58

pressappoco a quello che noi facciamo

play39:00

quando facciamo Chiamiamo i cavalli o i

play39:03

cani oppure il suono del bacio per loro

play39:05

sono delle consonanti sono delle lingue

play39:07

molto particolari materiali di cui

play39:09

potrete chiedere tutto a Andrea al mio

play39:10

amico Andrea Moro e sopra raccontarvi

play39:12

tutto quanto

play39:14

quelle popolazioni contengono il massimo

play39:18

di diversità genetica e sono quelli che

play39:20

una volta spregiativamente chiamavamo

play39:22

Boscimani e o tentotti che sono termini

play39:25

da non usare perché sapete che erano i

play39:26

termini dispregiativi usati dai

play39:29

colonialisti dai colonizzatori Questi

play39:31

coezan sono Naturalmente in via di

play39:34

estinzione Ma questo è un nostro

play39:35

mestiere ormai prediletto no quando c'è

play39:37

un dove c'è più ricchezza dove c'è la

play39:40

nostra storia dove c'è qualcosa di molto

play39:42

prezioso ne abbiamo già pensato ormai

play39:43

ormai ormai si stanno Sono in via di

play39:45

costante marginalizzazione e estinzione

play39:48

pensate vi dico solo questo che se voi

play39:50

andate lì nella Bibbia meridionale o in

play39:53

Botswana in Sudafrica e prendete due

play39:56

coisan di due villaggi vicini a caso e

play39:59

tirate fuori loro DNA e quantificate

play40:02

quanto sono diversi tra di loro sono più

play40:05

diversi tra due villaggi della Namibia

play40:08

che non prendendo un americano un

play40:11

europeo un coreano e un aborigeno messo

play40:13

insieme cioè tutti noi non africani

play40:16

siamo molto più simili tra di noi di

play40:18

quanto molto più omogenei tra di noi di

play40:21

quanto non siano due individui di due

play40:22

villaggi diversi li pensate la ricchezza

play40:24

genetica che c'è in quei in quei luoghi

play40:27

tra l'altro una cosa strana che dico

play40:29

solo tra parentesi pare che addirittura

play40:31

anche la diversità dei fonemi delle

play40:33

lingue possa aver seguito lo stesso tipo

play40:35

di andamento Anche se questa è una

play40:37

scoperta ancora controversa ancora da

play40:40

verificare ma forse anche le lingue

play40:41

hanno seguito nella loro

play40:43

diversificazione un andamento di questo

play40:45

tipo e ci sono alcuni linguisti e alcuni

play40:47

Biologi che ritengono che quelle lingue

play40:50

lì siano anche le lingue più ricche di

play40:51

fonemi e che allontanandosi da quella

play40:53

zona i fonemi diminuiscano sempre di più

play40:55

quindi geni e lingue avrebbero trovato

play40:57

ancora una volta un sovrapposizione

play41:00

molto interessante l'ultima indizio

play41:03

davvero e poi via dico in due minuti e

play41:06

chiudo Qual è il cervello su cui stiamo

play41:09

lavorando l'ultimo indizio è quello più

play41:12

triste nel senso abbiamo già sfiorato

play41:14

uno

play41:15

a partire da un'epoca successiva a

play41:18

60.000 anni fa tutte le altre forme

play41:20

umane spariscono è un caso difficile

play41:23

immaginare che sia una cosa puramente

play41:25

casuale Anche perché nello stesso

play41:28

periodo si estinguono anche molte altre

play41:30

forme animali non soltanto i nostri

play41:32

colleghi e cugini umani del genere Homo

play41:37

quando Homo Sapiens arriva in Australia

play41:41

estingue una grandissima quantità di

play41:43

animali di grossa taglia la mega fauna

play41:46

australiane grandi marsupiali decine e

play41:48

decine di specie la stessa cosa succede

play41:50

nelle Americhe Noi siamo arrivati in

play41:52

America 25 30.000 anni fa delle piccole

play41:55

tribù dell'Asia orientale sono salite su

play41:59

sono entrate nella theringe che era un

play42:01

continente emerso adesso invece c'è lo

play42:03

stretto è coperto dal mare Sono passate

play42:05

giù lungo la costa o lungo un corridoio

play42:08

all'interno lasciato libero dai ghiacci

play42:09

hanno fatto irruzione nelle Grandi

play42:12

Pianure americane e hanno trovato

play42:14

davanti a sé un mondo meraviglioso pieno

play42:16

di prede che non si difendevano perché

play42:18

non avevano mai avuto un predatore

play42:20

Quindi se li sono mangiati tutti e voi

play42:22

Vedete arrivano i cacciatori Sapiens

play42:24

spariscono decine e decine di forme

play42:26

umane grandi la tigre dai denti a

play42:29

sciabola tutte cose che i nostri bambini

play42:30

conoscono bene visto che li hanno viste

play42:32

in tanti film I bradipo giganti

play42:34

mastodonte eccetera eccetera spariscono

play42:36

tutti ci siamo mangiati letteralmente

play42:38

tutti

play42:40

questa cosiddetta estinzione del

play42:43

megafone avviene in contemporanea con la

play42:46

sco' al Tamira con showvez e con tutto

play42:49

quello che vi ho raccontato all'inizio

play42:51

Allora se non ce l'avete già in mente ve

play42:55

lo suggerisco io qual è il modello che

play42:56

oggi è venuto in mente a tanti studiosi

play42:59

di questa materia Beh Evidentemente

play43:01

non avevamo visto qualcosa che c'era lì

play43:05

era lì quello che non abbiamo non

play43:07

abbiamo visto è probabilmente un'ultima

play43:09

grande ondata di esseri umani usciti

play43:13

fuori dall'Africa molto tardiva quella

play43:16

che si chiama Final Wave cioè l'ultima

play43:18

Ondata e questo è un'ipotesi che oggi è

play43:21

corroborata da scoperte recenti fatte

play43:23

proprio in Sudafrica alcuni vi dico solo

play43:25

quest'ultima cosa poi chiudo alcuni

play43:27

Biologi insieme con archeologi

play43:30

paleontologi e genetisti il bello tra

play43:33

alto di questi modelli

play43:34

è il fatto che sono molto

play43:36

interdisciplinari e la mia disciplina

play43:38

oggi è cambiata tanto no perché

play43:40

sono quasi obbligati a collaborare tra

play43:43

di loro genetisti

play43:44

paleontologi studiosi di paleoclima

play43:47

Geografi gente che parla linguaggi molto

play43:50

diversi biologo molecolare un

play43:52

paleontologo hanno le loro riviste e i

play43:54

loro convegni Invece qui devono

play43:55

collaborare per forza Abbiamo bisogno

play43:57

l'uno dell'altro ci sono messi insieme e

play44:00

hanno scoperto cosa interessanti per

play44:01

esempio in Sudafrica tra 70 71 Milan fa

play44:06

per la precisione e 65.000 anni fa ci

play44:09

sono state grandi episodi di innovazione

play44:12

culturale ci sono piccole culture che

play44:14

sono nate in piccoli gruppi si sono

play44:18

evolute si sono sviluppato buone

play44:20

tecnologie una buona organizzazione

play44:22

sociale Poi si sono estinte del successo

play44:24

più volte e adesso gli stanno dando dei

play44:26

nomi addirittura pensate la precisione

play44:28

che fino a qualche anno fa era

play44:30

impossibile questi sono capaci di capire

play44:31

se si è sviluppato una certa cultura una

play44:34

certa civiltà ma una parola troppo

play44:36

grossa in una popolazione umana in un

play44:39

certo periodo di 70.000 anni fa qualcosa

play44:41

che era impossibile oggi invece con le

play44:42

datazioni con i metodi che abbiamo oggi

play44:44

convergenti è possibile farlo per

play44:47

esempio ne è partita una 71.000 anni fa

play44:49

è morta subito 70.000 anni fa Poi ne è

play44:51

partita un'altra 65.000 anni fa è morta

play44:53

3.000 anni dopo Poi e questo è il

play44:57

dettaglio interessante ne è nata una

play45:00

terza che non ha ancora un nome

play45:02

con delle altre popolazioni di

play45:05

cacciatori raccoglitori umani

play45:07

naturalmente Homo Sapiens molto

play45:09

intraprendente molto innovativa capace

play45:12

di ottima organizzazione sociale questi

play45:15

crescono demograficamente vanno a

play45:18

sostituire tutti gli altri diventa una

play45:20

sorta di microimpero Diciamo tra

play45:22

virgolette perché poi una densità di

play45:23

popolazione bassissima in Sudafrica e la

play45:26

cosa interessante è che questi qui

play45:27

questi partiti 60.000 anni fa con questa

play45:30

grande innovazione si portano dietro

play45:32

tutti una traccia genetica

play45:35

una plogruppo del DNA mitocondriale che

play45:38

sto parlando in arabo in pratica è una

play45:41

variante del DNA dei mitocondri che

play45:43

abbiamo tutti quanti che si ereditano

play45:45

solo per via femminile e che sono

play45:47

materiali genetico molto interessante su

play45:49

cui fare queste comparazioni tutti

play45:50

questi hanno una variante che si chiama

play45:52

L3 ed è stato scoperto verificato due

play45:55

anni fa che tutti i non africani noi non

play45:58

quelli tra di noi non africani abbiamo

play46:00

tutti l'l3 nel sangue

play46:03

e questo è stato l'ultimo indizio quello

play46:05

che ha fatto capire che forse tutti noi

play46:08

non africani veniamo fuori da un'ultima

play46:10

migrazione di questo gruppo nato in

play46:13

Sudafrica che ha avuto un grande

play46:15

successo legato a innovazione culturale

play46:17

e sociale sua è uscito fuori è salito di

play46:21

nuovo su è uscito fuori e ha di nuovo

play46:24

colonizzato tutto il vecchio mondo e poi

play46:26

anche l'Australia e le americhe Questi

play46:29

sono quelli cosiddetti Homo Sapiens 2.0

play46:33

come Li ha definiti sempre il tatsal di

play46:35

prima che hanno un grandissimo successo

play46:39

migratori in un modo esponenziale molto

play46:42

più veloci rapidi e espansivi escono

play46:45

fuori in piccoli gruppi ecco il collo di

play46:48

bottiglia di cui parlavamo prima quando

play46:50

escono fuori buoni ultimi diventano

play46:53

molto invasivi e portano all'estinzione

play46:55

tutte le altre forme umane questi sono

play46:58

anche quelle che arrivano in Australia e

play47:00

che arrivano nelle Americhe e che si

play47:01

mangiano tutte

play47:02

migliaia di altre forme che abbiamo

play47:04

detto sono quelli che hanno lasciato

play47:07

oggi la traccia genetica in Sudafrica di

play47:09

cui vi parlavo prima dei coezan sono

play47:12

quelli che sono diventati i fondatori

play47:14

perché hanno poi disseminato gruppi di

play47:16

fondatori che hanno colonizzato tutto il

play47:19

mondo Quindi quello che si pensa oggi è

play47:22

che in realtà non sia stato né graduale

play47:24

nei punteggiato perché Perché è stato

play47:27

diciamo così un ribollio una sorta di

play47:30

ebollizione culturale che è andata

play47:33

avanti per tanto tempo in Sudafrica a un

play47:36

certo punto per tanto tempo alla luce di

play47:37

caratteristiche umane già precedenti ne

play47:40

avevamo dei segreti che ci portavamo

play47:42

dietro noi eravamo bene equipaggiati e

play47:45

questo buon equipaggiamento ha fatto sì

play47:47

che molto tempo dopo di tentativo in

play47:49

tentativo sia emersa una popolazione

play47:51

capace di innovazione culturale

play47:54

straordinarie questa popolazione è

play47:57

partita e fisicamente ha occupato il

play48:00

mondo quindi non è stata una rivoluzione

play48:03

culturale che ha interessato tutti

play48:04

improvvisamente No è stata una cosa

play48:06

precisa fisica un piccolo gruppo che

play48:08

sostituisce gli altri esce fuori

play48:10

un'ultima grande Ondata e distribuisce

play48:13

letteralmente nel mondo la mente umana

play48:16

moderna l'intelligenza simbolica l'arte

play48:19

e pittura rupestri gli strumenti

play48:21

musicali tutte quelle caratteristiche

play48:22

guarda caso cominciano proprio in

play48:25

Sudafrica in quel periodo coincidono

play48:27

quasi perfettamente le gli anni la

play48:30

tempistica coincide

play48:32

cosa avevamo di speciale noi perché è

play48:35

successo solo in Homo Sapiens e non

play48:37

chiedetemelo ve lo dico in anticipo

play48:39

perché non lo sappiamo

play48:40

perché questa cosa non è successa anche

play48:43

nelle altre specie umane è successa solo

play48:46

a noi

play48:47

Però anche qui Vi lascio una suggestione

play48:49

che a me colpisce molto

play48:51

Ovviamente per rispondere dovremo perché

play48:55

non siamo ancora Capaci adesso dobbiamo

play48:56

capire bene quali erano davvero le

play48:58

differenze tra noi e un Neanderthal noi

play49:00

oggi conosciamo le differenze fisiche Ma

play49:03

che ci dicono poco il Neanderthal per

play49:05

esempio probabilmente aveva dato inizio

play49:08

all'intelligenza simbolica forse ci sono

play49:10

delle sepolture rituali dei Neanderthal

play49:12

in nel kurdistan iracheno forse il

play49:16

Neanderthal si abbelliva il corpo a

play49:18

Fumane nel veronese stati trovate un

play49:21

sito neanderthaliano molto bello in cui

play49:22

dei Neanderthal avevano imparato a usare

play49:25

le penne remiganti di uccelli rapaci

play49:27

quelle belle lunghe colorate le usavano

play49:29

per

play49:30

abbellimento come delle corone e usavano

play49:33

gli artigli dell'Aquila per fare delle

play49:35

delle collane di pendaglie e qui e

play49:37

questo è molto significativo perché vuol

play49:39

dire che anche per Neanderthal il corpo

play49:40

era diventato un luogo simbolico un

play49:44

luogo per dire qualche cosa un luogo di

play49:47

personaggi simbolici e forse addirittura

play49:50

il neanderthaler anche capaci di

play49:52

costruire strumenti musicali in Slovenia

play49:54

è stato trovato un flauto che

play49:56

probabilmente appartiene ai neandez è un

play49:58

flauto è una cosa impegnativa vedi

play50:01

prendere un osso di orso E devi sapere

play50:04

che Facendoci quattro fuori da una parte

play50:06

uno sotto con una certa lunghezza puoi

play50:08

produrre un certo suono forse anche ne

play50:10

andate là è stato capace di fare questo

play50:12

però ne è andata a fare tutto questo in

play50:14

modo sporadico in modo occasionale gli

play50:18

unici che lo fanno in un modo così

play50:19

impetuoso così sistematico sono siamo

play50:23

noi Homo Sapiens e se c'è una differenza

play50:27

in realtà lo capiremo quando capiremo le

play50:29

differenze genetiche Probabilmente tra

play50:30